4

|Recensione| Magic di Victoria Schwab

By Sara - 12:08:00

Bentornati cari lettori,oggi per aprire al meglio le porte del weekend ho per voi la recensione di uno dei fantasy più amati della globosfera, che fortunatamente per noi la Newton Compton Editori ha tradotto e portato per noi anche in Italia.Magic di Victoria Schwab è il primo volume, autoconclusivo, di una trilogia che a breve vedremo sul grande schermo!

GENERE:Fantasy

Newton Compton Editori
pagine 400
prezzo 9.90 (cartaceo)
Kell è uno degli ultimi maghi rimasti della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono infatti la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, dove accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell’Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Bianca, la più noiosa delle versioni di Londra, quella senza alcuna magia. Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere anche solo piccoli scorci di realtà che non potrebbero mai vedere. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e adesso Kell comincia a rendersene conto. Dopo un’operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale e infine lo costringe a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se si vuole continuare a giocare prima di tutto bisogna imparare a rimanere vivi...


Victoria Schwab con Magic ci porta con mano in un universo ricco di magia, unico, saturo di particolari che difficilmente dimenticherete ed una trama, impossibile da raccontarvi in poche righe.Ho amato i personaggi, tutti.E' la prima volta credo, che ho addirittura sperato in un capovolgimento di trama per il ''cattivo'' dalla situazione, perchè vi sarà impossibile non affezionarsi a lui.Holland parlo proprio di te (♥)
«Geloso?», chiese. Gli occhi bicolore del mago incrociarono quelli di Athos, il verde e il nero entrambi fermi, immobili. «Ha sofferto», aggiunse il re a bassa voce. «Ma non come te». Accostò ancor di più la bocca. «Nessuno soffre magnificamente come te». Eccolo, nella piega delle labbra di Holland, il lampo del suo occhio. Rabbia. Dolore. Audacia. Athos sorrise, vittorioso.
Credetemi, la mente della Schwab è stata a dir poco geniale! Non solo ha creato un mondo magico che ho letteralmente adorato: quattro Londra differenti a seconda del livello di magia al suo interno, ho amato la loro perfetta caratterizzazione.Il passaggio tra un mondo e l'altro era vivido, come in un film.Motivo per cui è stato davvero difficile mettere il mio e-reader sul comodino!
Se dovessi dare una medaglia all'autrice, sarebbe sicuramente per i personaggi.Già dalle prime pagine ci catapulta nel vivo della vita di Kell, che sono sicura diventerà uno dei miei personaggi preferiti.L'autrice non usa i soliti mezzucci fisici per farci amare il personaggio, non troverete addominali ben in vista, respiri mozzati, e frasi trite e ritrite.Troverete un uomo pronto a combattere e dare la sua vita per suo fratello Rhy, troverete un uomo pronto a rischiare tutto pur di mantenere l'equilibrio, pronto a tutto pur di non soccombere alla stessa magia, sagace, riflessivo e a volte anche sarcastico.Se ancora non vi è scattata la scintilla lasciate che vi parli di Lila.
«L’amore non ti impedisce di morire di freddo, Kell», continuò, «o di fame, o di essere accoltellato per le monete che abbiamo in tasca. L’amore non compra nulla, quindi sii felice di quello che hai e delle persone che hai, perché potrai anche desiderare di avere altro, ma non hai bisogno di niente».
Con Kell il vostro cuore perderà battiti ma, con Lila sarà amore a prima vista.La adorerete perchè è impossibile non farlo.Lei è una ladra di Londra Grigia che, per un caso fortuito si ritroverà a condividere ben più che una semplice pietra, rubata a Kell,condivideranno una bellissima avventura.Lei è divertente, arrogante, sicura di sè, desiderosa di libertà e con un mondo alle sue spalle troppo grande persino per lei.
Tu hai ragione, non è un gioco», insisté Lila. «È strategia . Ho sentito quello che la regina ha detto della pietra spezzata in due. Tu hai bisogno di entrambi i pezzi, e al momento ne hai uno solo. Il re bianco ha l’altro, giusto? Il che significa che abbiamo del lavoro da fare. E ho detto noi , Kell. Se ci sono due di loro è meglio che ci siano anche due di noi. Tu puoi occuparti del re, io mi occuperò della regina»
La scrittura della Schwab:MAGNIFICA. E' una delle più belle prose mai lette, ha un bagaglio lessicale immenso, nonostante l'uso della terza persona per il narratore, ho sentito vicini TUTTI i personaggi più di quanto una prima persona avesse potuto fare.Unica nota dolente è l'inizio.La storia impiega un centinaio di pagine prima di ingranare, fattore purtroppo negativo tipico del primo libro di una saga.
Lila sapeva che avrebbe perso. Lila sapeva che sarebbe morta. Ma che fosse dannata se il suo sacrificio sarebbe stato inutile.
Se è la storia d'amore fantasy quello che cercate, allora probabilmente questo romanzo non fa per voi ma ,se avete voglia di tuffarvi in un'avventura da leggere tutta d'un fiato, con personaggi di spessore,dialoghi emozionanti, una trama ricca di pathos e una scrittura magistrale allora correte in libreria ed acquistate Magic perchè è proprio quello che fa per voi!








Un abbraccio,
Sara


  • Share:

You Might Also Like

6 commenti

  1. Sembra proprio confermi i pronostici! Bella recensione complimenti!❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ely, è davvero un bellissimo fantasy!

      Elimina
  2. Lo sto leggendo e mi sta piacendo molto! Bella recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fantasy così non si vedeva da tempo! Ti ringrazio ^^

      Elimina
  3. Wow Sara, che recensione *_* devo dire che con Questo canto selvaggio mi aveva un po delusa, l'idea era molto bella ma lo svolgimento della storia un po banale, ero infatti molto titubante su Magic, perché secondo me la trama aveva potenzialità ma non volevo rimanere doppiamente delusa, per questo ero insicura se comprarlo o meno ma le tue parole mi rincuorano, lo comprerò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Questo canto selvaggio non l'ho ancora letto, quindi spero non mi delusa perché con Magic secondo me l'autrice ha fatto davvero un ottimo lavoro! Un abbraccio ♡

      Elimina