Ultime recensioni

sabato 24 settembre 2016

Recensione FanteCavalloeRe di Luisa Menziani

Bentornati sul blog!
Come state ? Io sto molto bene dato che l’autunno è appena iniziato e come ormai avrete capito io AMO QUESTA STAGIONE per non parlare delle serie tv che finalmente riprendono dopo la pausa estiva *-*
Oggi vi parlo di un romanzo molto particolare,credo di non averne mai letti di così schietti e allo stesso tempo originali,non c’è stata una pagina che mi abbia  annoiata per non parlare della scrittura dell’autrice,semplicemente meravigliosa,l’ho divorato in un solo giorno e mi chiedo ancora come ho fatto a non leggerlo prima!

Ma veniamo ai dettagli:

Prezzo 18.00 euro
pagine 176
 Edizioni Artestampa

All'inizio c'è solo una fanciulla che fugge da un romanzo immaginato per entrare in un romanzo in carne e ossa, in sella alla sua bicicletta. Sembra un gioco, anzi è un gioco, e forse proprio per questo FanteCavalloeRe ha tanto da dirci, del nostro tempo, di noi, del nostro dentro e del nostro fuori, della nostra vita che non ne vuole mai sapere di fermarsi un istante, di deviare, di inseguire una rima o un abbaglio, di ascoltare, di invertire e sovvertire le gerarchie, le rotte, di afferrare un sorriso a tutti i costi, per i piedi o per i capelli, purché sia quello buono per farci guardare avanti, per farci andare avanti. Luisa Menziani ci guida in una passeggiata nella realtà, a polmoni pieni, attraverso i massimi e i minimi sistemi del vivere quotidiano l'amore, l'amicizia, la coda al supermercato - e pedalando e pedalando si lascia dietro una scia della sua polvere magica, l'UndueTrefanteCavalloeRe che è un potente richiamo stregonesco, formula alchemica che converte la banalità in epifania, che resuscita le metafore morte e le morte illusioni, e tutto indistintamente richiama alla vita, all'irrinunciabile saggezza dell'attimo.


Arrivati a questo punto vi starete chiedendo cosa ci sia di così sorprendente in questo libro,ve lo dico io:N U L L A! Sì avete capito bene ,nella trama non ci sono persone che muoiono tutte d’un tratto,nessun lui/lei con un’infanzia difficile,nessun tragico evento,neanche l’ombra dei fastidiosi triangoli amorosi (che diciamocela tra noi,ne abbiamo abbastanza);in questo romanzo troverete semplicemente la VITA,per esattezza un anno della vita della protagonista in compagnia dei suoi due amici Simonetta e Jack.

Sono una speranza per me quando li vedo, perché tornano tutti gli anni ed è come se mi dicessero: Noi resistiamo! Voi inquinate pure, qui, là, su e giù, sporcate pure tutto… ma noi resistiamo e quando non ne possiamo più di stare in un posto, ce ne andiamo in un altro volando nel cielo blu…

Le giornate di una semplice ragazza in jeans e maglietta giorno dopo giorno alla scoperta : delle persone che conoscerà,dei suoi limiti,delle sue passioni,vi sentirete parte di lei mentre percorrete le strade a cavallo della sua bicicletta e arriverete a fine romanzo con la voglia di saperne sempre di più! E’ proprio questa la bellezza di questo romanzo ,la dimostrazione che non occorre inserire nel romanzo tragedie per far appassionare il lettore perché la Menziani con la sua scrittura lineare e creativa*(vedi a fine post ☻) ti rende partecipe di ogni avvenimento e ti fa entrare in ogni personaggio anche se chiamarli personaggi sarebbe riduttivo dato che sono caratterizzati alla perfezione.
Ho adorato Simonetta così ‘dolcemente complicata’ come direbbe la Mannoia così come ho fatto il tifo per Jack fino alla fine.

Non facciamo che cercare nelle nostre giornate… di arrivare in tempo, di star bene, di non star male, di riuscire a finire, di farcela. Cose piccole e cose grandi. La strada, l’amico, l’amore, ma anche di più: il senso della vita, da dove veniamo e dove andremo.

Ogni capitolo vi farà sorridere,riflettere e continuare a sfogliare le pagine perché non ne potrete fare più a meno.
Non sono riuscita a prevedere nemmeno un evento di tutta la storia e il finale vi lascerà un sorriso stampato sulla faccia.

Il romanzo inizia e termina con una domanda : ‘Ha trovato quello che cercava?’
Lascio a voi l’onore di poterlo scoprire e di immergervi nella vita della protagonista

Perché è una filastrocca e scorre via, agile e allegra come una pedalata in bicicletta, perché sorride, ci prova almeno. Perché ha un senso, due tre o forse nessuno. perché è magia, come la vita.

Consiglio questo libro a tutti,che sia per una lettura scorrevole,o se cercate una lettura che vi faccia riflettere ,o semplicemente un libro da cui trarre ispirazione per la vostra vita quotidiana ,perché il libro è pieno di spunti da accogliere a braccia aperte!

*Creativa perché mentre si procede nella narrazione vi sono delle vignette in cui la protagonista che ama disegnare,trae spunto per nuovi piccoli disegni e questo aiuta ancor più ad entrare nel suo personaggio e vivere al meglio la storia ,per non parlare dei bellissimi acquerelli di Giuliano della Casa che non fanno che rafforzare la narrazione.



Voto 4/5

Al prossimo post,

Sara 



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...